La Craft Xplor e la Craft Pacer sono lo stesso modello di scarpa declinato per due differenti tipi di utilizzo.

Craft Pacer

Condividono la stessa intersuola, con tomaia che, al di là dell’identica forma, è costituita da materiali differenti e funzionali al diverso tipo di utilizzo: la Xplor ha una tomaia più robusta per offrire maggior stabilità di calzata – a scapito della piacevolezza – necessaria per un uso off-road, dove il passo è sottoposto all’instabilità del fondo che comporta dover assicurare in maniera più salda il piede alla scarpa.

Inoltre, proprio per l’uso off-road, la Craft Xplor è dotata di una suola Vittoria caratterizzata da maggior spessore e dalla presenza di tasselli profondi che devono assicurare la presa su fondi morbidi e friabili.

Queste differenze comportano anche una differenza di peso tra Craft Xplor e la Craft Pacer, che tuttavia non si avverte poi tanto al piede, grazie ad un comportamento della gomma che è sì ben ammortizzante, ma dotata anche di buona capacità di risposta.

 

Caratteristiche:

Peso: 309gr la Xplor, 252gr la Pacer
Differenziale: 6mm, on 38.5 mm di gomma al tallone
Intersuola in gomma Eva PX Foam
Suola Victoria spessa 3mm per la Xplor

 

 

Tomaia

La Craft Explor e la Craft Pacer condividono la stessa tomaia, almeno per quanto riguarda lo “stampo”: cambiano i tessuti.

La Pacer ha un tessuto a maglie traforato, leggermente elastico, che veste morbidamente sul piede.

La Xplor ha un tessuto più rigido, ed è dotato di protezioni e rinforzi strutturali che ne preservano la durata, considerando un tipo di utilizzo più usurante.

 

Il puntale della Xplor ha un rivestimento plastico molto sottile che si estende intorno e sopra le dita,  fornisce protezione e rende la calzata più “precisa”: se nella Pacer il piede sta comodo, qui il piede è più compattato, e percepisce la presenza del tessuto rinforzato, quando si muovono le dita verso l’alto.

 

Il rivestimento sul puntale prosegue per tutto il perimetro della tomaia, per fornire una calzata più ferma e stabile al piede.

Anche il sistema di allacciatura è leggermente differente: cambia la sistemazione degli occhielli passa lacci, cambia la configurazione della linguetta para lacci, più imbottita nella Pacer.

 

Il contrafforte tallonare è dotato di conchiglia rigida, il collarino è leggermente imbottito. Si fa un po’ più di fatica a calzare la Xplor, occorre allentare di più i lacci, specie all’altezza dell’ultimo occhiello, che è posto leggermente più in alto, per fornire un tiraggio della tomaia più marcato sulla caviglia e sul collo del piede.

 

La calzata delle due scarpe è comoda, con maggior comfort nella Pacer, maggior senso di certa rassicurante “spartanità” nella Xplor.

 

Intersuola

L’intersuola della Craft Xplor e della Craft Pacer è identica, per forme e materiale.

E’ molto alta – ma ormai 38mm di gomma al tallone sono una misura normale – ed è molto larga, più larga di normali scarpe stradali e da trail running.

E’ un bel canotto!

 

La gomma utilizzata è la PX Foam, a vederla sembra una mescola contenente TPU, e invece è solo una gomma EVA molto leggera, che sembra essere rigida, se si va a cercare di far pressione con le mani.

 

Su strada cambia parecchio.

Sia la Pacer che la Xplor offrono un eccellente livello di ammortizzazione, senza effetto spugnoso. La caduta è ben accompagnata, ed immediatamente rilanciata.

La cosa che mi ha colpita è la facilità di passo a tutte le velocità: la scarpa risulta comoda al passo “compassato” sui 5’30″/km, risulta agile a 5″/km, ti permette di correre bene senza tanto sforzo a 4’30” (il mio passo preferito, con queste scarpe) e se vuoi accelerare per qualche centinaio di metri, ci arrivi anche a 3’/km , con la Pacer.

Con le Xplor, più pesanti e con un l differente tipo di suola, non ci sono riuscito, mi son fermato a 3’20″/km.

Pacer ed Xplor sono scarpe pensata per fornire protezione e piacevolezza di corsa a ritmi tranquilli, e ci riescono bene. Ma ha potenzialità che in tal senso le rendono quasi sprecate.

Insomma, molto molto polivalente come tipo di utilizzo!

Suola

La Craft Xplor si differeisce dalla Pacer per la sua intersuola, prodotta d Vittoria: sembra la suola di una bici da mountain-bike!

suola craft xplor

 

Fornisce un grip sicuro su fondi sterrati, perde un po’ di aderenza solo sulla vernice della pista ciclabile, se bagnata.

Questa suola rende la Xplor una scarpa cruising da percorsi sterrati facili, single track di percorsi gravel, strade bianche, strade di montagna.

Anche la Pacer comunque si comporta bene sullo sterrato facile e asciutto di un parco.

 

Conclusioni su Craft Xplor

La Xplor è la prima scarpa off road che ho voluto provare del marchio Craft.

Un marchio di cui stimo la produzione di scarpe, che trovo molto valide. Ma i cui modelli da trail running non sono adatti   Ultra Carbon, Ultra Trail, Pure Trail: belle scarpe da corsa, anche off road, ma che – soprattutto per il loro prezzo – non comprerei per poi non utilizzare nei sentieri dietro casa mia, dove si sale 350mt in due km su percorsi che non hanno fondi che permettono di sviluppare la corsa adatta.

La Craft Xplor invece è una scarpa che si dichiara da subito pensata per un certo tipo di utilizzo, e con un prezzo molto accessibile. Non ci vado a scendere 350mt di dislivello negativo in 2km, non ci penso proprio! Ma ci posso fare quei percorsi a valle che comprendono fondi off road corribili, alternati a tratti stradali. Su cui scivolerei via già con le Pacer, che non sono poi nemmeno male off road!

Craft Xplor

 

Così la Craft Xplor si è rivelata essere una comodissima e brillantissima compagna di corsa, durante uscite su percorsi misti, non tecnicamente impegnativi, dove poter far girare le gambe spensieratamente o anche in maniera impegnativa, ma sempre nel gesto della corsa libera da attenzioni sulle condizioni del fondo.

A qualsiasi ritmo, riesce ad essere sempre molto efficiente, sempre poco esigente: non richiede molto sforzo per viaggiare, non affatica l’avampiede in fase di spinta, è una scarpa che ti fa andare solo di gamba.

Lo stesso discorso vale per la Pacer, su strada, con un miglior comfort di calzata.

Due scarpe con cui partire ai piedi, per fare 5, 10, 20, 40, 100km, con tranquillità d’animo, che non sarà certo la scarpa ad impedirti di raggiungere il traguardo.

 

 

Visita il sito CRAFT SPORTSWEAR

Visualizzazioni: 39