La Sportiva Mutant 2 si rinnova per migliorare comfort senza perdere le sue caratteristiche di marcia, rimanendo una scarpa affidabile e protettiva.

Caratteristiche:

  • Peso: 340g taglia 42,5 US 9 1/2 (uomo pesata personalmente)
  • Drop: 10mm   Stack height: tallone 24 mm / avampiede 14mm

Intersuola: La Sportiva Mutant 2 è composta da MEMlex eva ad iniezione con inserto stabilizer in TPU che si può notare facilmente sulla parte tallonare di colore arancione nella scarpa che abbiamo testato.

 

 

 

 

Realizzata in Eva garantisce una buona ammortizzazione ma non aspettiamoci una scarpa con un effetto cushioning (ammortizzante)

La Sportiva Mutant 2 è una scarpa che permette di percepire il terreno sotto i piedi, ma nello stesso tempo garantisce comodità anche dopo molte ore di corsa.

Non vorrei con questo essere frainteso e farvi pensare che abbiamo di fronte a una scarpa “secca” perchè non è cosi, permette una corsa veloce, precisa in discese tecniche e confortevole nelle lunghe distanze.

 

Troviamo poi all’interno una suoletta Ortholite Mountain Running Ergonomic da 4 mm la stessa che viene utilizzata da altre aziende.

Tomaia: Realizzata con un materiale Air Mesh anti-abrasione, permettendo un’ottimo livello di ventilazione evitando di trattenere umidità all’interno della scarpa anche in caso di pioggia la scarpa riesce a “scaricare” e asciugarsi velocemente.

 

 

 

 

 

 

Il materiale di costruzione è veramente indistruttibile, e con la prima versione di Mutant, ho corso per oltre 500km e ancora non si notava il minimo segno di usura, ECCEZIONALE.

Ciò che amo di questa scarpa è il sistema di chiusura:  FusionGate che permette una comoda calzata. Il piede alloggia come in una calza compressiva estremamente comoda e fasciante ma non limita il movimento, con una comodissima ghetta elastica a 4 vie che impedisce di far entrare detriti durante la nostra corsa.

 

 

 

 

 

La linguetta è realizzata con il nuovo sistema SpryralTongue che impedisce ai lacci di scivolare e una volta allacciata, non avrete più problemi durante la corsa.

 

 

 

 

 

I lacci sono di un’ottimo tessuto morbido al tatto e della giusta lunghezza. Sulla parte alta verso il colletto, abbiamo una piccola tasca in tessuto elasticizzato che ci permettere di contenere il nodo di chiusura, veramente comoda, sistema già adottato da altre aziende.

Presenta un ottimo puntale in materiale plastico che garantisce protezione garantendo una massima sicurezza con qualsiasi asperità presente in natura.

 

 

 

 

A livello tallonare abbiamo una struttura che ci permette sicurezza e stabilità sul tallone in ogni situazione, ottimo rivestimento del contrafforte tallonare. Il colletto della scarpa risulta più alto rispetto alle altre scarpe, ma questo permette di avere una maggiore copertura e stabilità della caviglia. Nella parte posteriore, un passante di dimensioni maggiori, rispetto ad esempio alla Akasha2, permette una maggiore velocità di calzata.

 

 

 

Suola: In mescola FriXion XF ultra aderente, la stessa gomma che che viene utilizzata per la costruzione delle scarpe da arrampicata.

La suola bicomponente, che caratterizza i prodotti della casa Italia, è composta da tacchetti medi di una lunghezza di circa 5mm, che rendono la Mutant adatta per le nostre corse su terreno fangosi e morbidi garantendo un’ottimo grip.

Tante volte le persone, sui canali social o di persona, mi chiedono la miglior scarpa o suola, e la mia risposta è sempre la solita: “non esiste!” In commercio non vi è nessuna suola che ci garantisce un’ottimo grip e trazione su tutti i terreni per cui lasciate perdere i falsi miti.

 

Design: La casa di Ziano Di Fiemme in questa Mutant 2 ha fatto un gran lavoro dal punto di vista estetico. Una curiosità, sulla parte esterna a livello del tallone, vengono riportate le coordinate geografiche dell’azienda.

 

La suola bicomponente, che caratterizza i prodotti della casa Italia, è composta da tacchetti medi di una lunghezza di circa 5mm, che rendono la Mutant adatta per le nostre corse su terreno fangosi e morbidi garantendo un’ottimo grip.

Tante volte le persone, sui canali social o di persona, mi chiedono la miglior scarpa o suola, e la mia risposta è sempre la solita: “non esiste!” In commercio non vi è nessuna suola che garantisca un’ottimo grip e trazione su tutti i terreni per cui lasciate perdere i falsi miti.

Conclusioni

Come calzata non la consiglierei a runners dal collo del piede spesso, o che preferiscono un ampio footshape. Ogni volta che mi chiedono come sia la Mutant, la mia risposta è sempre ed esclusivamente la solita: “se uno non la prova non può capire” ! La calzata è l’unica che potrei riconoscerla anche bendato fra 50 modelli, non esistono in commercio  uguali. Esagerato?  Forse, ma la possiamo godercela a pieno nelle discese tecniche, perchè ti da un’ottima stabilità.

Per molte persone risulta un po’ troppo “secca” sull’avampiede e dopo 5\6 ore incominciano a soffrire. Sicuramente non è una scarpa adatta per chi ama la morbidezza, ma a me piace definirla “da guerra”.

Parlando con alcune persone, mi riferiscono che la zona del colletto, durante la fase di spinta, la tomaia si allarghi dando la possibilità ai detriti di entrare.  Anch’io l’ho riscontrato, ma sono riuscito a capirne il motivo, cioè quello di aver preso la scarpa di mezzo numero in più  (42,5 -27cm), risolvendolo con una scarpa della mia taglia.

Le qualità di queste scarpe, per poterne godere a pieno le sue caratteristiche, dovreste provarle su terreno morbido di sottobosco umido e fangoso, non vi abbandonerà mai garantendovi sempre un’ottimo grip.

Di tutti i modelli che ho provato in questi ultimi anni, sono le uniche sempre presenti nella mia scarpiera e nel borsone per andare a correre in montagna, dove oltre al terreno di sottobosco, affronto salite e discese con difficoltà tecniche di rilievo, come rocce e ghiaioni senza problemi.

Per molti risulta come calzatura da usare 3\4 ore e per pochi nelle gare di Ultra oltre le 100 km, ma il mio amico atleta, che veste i colori della La Sportiva, Roberto Mastrotto (primo italiano in classifica UTMB 2022), primo all’Adamello Ultra Trail 170km 11.500m d+ , le ha utilizzate per entrambi gli eventi. Mando un grosso in bocca al lupo a Roby per la sua UTMB 2023 Forzaaaaaa a BLOCCO!

Che dirvi altro di questa scarpa… PROVATELA! La sua calzata unica vi potrebbe magicamente stregare, oppure  odiarla da subito, non vi resta che provarla.

Buone Corse a tutti by TIBO

p.s vi ricordo di iscrivervi al nostro canale telegram TRAILRUNNING.IT dove si parla di corsa,bscarpe, attrezzatura, gare e ci si diverte tutti assieme in questo fantastico Mondo che è la corsa.

Visita il sito LA SPORTIVA 

Visualizzazioni: 554