L’ Aonijie LEAP 10L è uno zaino idrico da trail running che alza il livello di competività del marchio cinese, da molti europei ritenuto solo un “copiatore seriale” dei prodotti degli altri brand occidentali, che con i suoi zaini a basso costo ha iniziato a farsi conoscere dagli utenti europei, soddisfatti di quanto acquistato.

Questo Aonijie LEAP 10L chiaramente va ad assomigliare ad altri zaini di quella categoria che potremmo indicare come zaini da alta performance.
E come potrebbe essere altrimenti?
La struttura è quella, di gilet con fianchetti laterali, ormai non si inventa più nulla.
Poi magari si possono mettere i vani porta borracce in alto o in basso sugli spallacci, ma la struttura è quella.

C’è da dire che questo zaino è fatto molto bene.
Con tessuti pregiati e finiture ben fatte. Dettagli curati.
Ed una dotazione di accessori completa per accompagnare i trailrunner ad affrontare gare ultra trail.
Si potrebbe dire che lo zaino idrico Aonijie Leap 10 L è “UTMB Ready”

Se questo zaino fosse uscito col marchio “Salomon” invece che “Aonijie”, tutti direbbero “WOW”, solo a guardarlo.
E invece non sentirete tutti dire “WOW”.
Ma sentirete me dire “WOW”.

 

STRUTTURA

Lo zaino idrico Aonijie Leap 10 ha la tipica struttura a gilet con fianchetti integrati, con la struttura di appoggio fatta in tessuto mesh resistente, ben traspirante.

Il Gilet veste alto sul tronco, senza andare a coprire la zona lombare (per me che sono alto 177cm), con i fianchetti che anche a pieno carico non vanno a intralciare il movimento delle braccia durante la corsa, e la sacca che che non sporge tanto, e non crea problemi di disequilibrio nemmeno durante la corsa in discesa, anche nei percorsi più tecnici.

 

SACCA

La sacca dello zaino idrico Aonijie LEap 10 L è costruita con un materiale molto tecnologico, di quelli che puoi dire “figo” al tatto, molto fine ma resistente, idrorepellente.

Le dimensioni sono compatte, ma permettono di portare quanto richiesto dai regolamenti delle gare ultra trail in materia di materiale obbligatorio.

 

 

La sacca dello zaino Aonijie Leap 10 è costituita da scomparto porta sacca idrica a contatto con lo schienale, un vano intermedio porta oggetti con apertura a zip perimetrale, ed una tasca marsupio esterna in tessuto mesh elastico molto profonda.

 

 

 

Il vano porta oggetti centrale può contenere facilmente un kit di abbigliamento di ricambio, anche del tipo termico, più ingombrante e pesante.

La tasca marsupio esterna può contenere una giacca anti pioggia, anche non proprio di quelle minimaliste ma più protettive, facilmente raggiungibile in caso di improvvisa necessità di utilizzo.

La sacca è anche dotata di stringa di compressione che può essere utilizzare per “appendere” un eventuale giacca antipioggia dopo l’utilizzo, quando si è ancora in marcia, e rimetterla nello zaino bagnerebbe tutto il resto.

 

 

 

SISTEMA DI REGOLAZIONE

Lo zaino Aonijie Leap 10 è dotato di tre stringhe pettorali che possono essere facilmente spostate lungo il bordo degli spallacci, a seconda delle diverse esigenze fisiche dell’utilizzatore.

Qualcuno potrebbe pensare di risparmiare qualche grammo togliendo una stringa. Ci ho provato, ed ho notato che peggiora la capacità di vestizione, con i bordi degli spallaci morbidi – che non hanno guida di plastica di rinforzo , come alcuni zaini più pesanti – che si deformano. Peggiora così anche la capacità degli spallacci di scaricare sul petto in maniera più diffusa il peso dello zaino.

 

 

Sui fianchetti sono poi presenti delle stringhe che permettono di comprimere i fianchetti per migliorare la stabilità della vestizione.

 

 

SPALLACCI 

 

Gli spallacci dello zaino idrico Aonijie Leap 10 L hanno vani porta soft-flask sulla parte superiore e tasche porta oggetti in quella inferiore, fatti in tessuto elastico, con quelle superiori rifinite con bordo rinforzato elasticizzato e munite anche di stringhe per fissare meglio le borracce morbide.

Ben nascoste, le zip YKK poste sul bordo delle tasche inferiori che permettono di accedere a tasche dove poter mettere con maggior sicurezza oggetti come smart phone, chiavi, documenti.

 

Particolare il fatto che queste tasche porta oggetti hanno doppia apertura, superiore e laterale, che permette di accedere più facilmente al contenuto, senza che questo corri il rischio di fuoriuscire.

 

 

 

 

 

Gli spallacci sono dotati anche di stringhe e passanti porta bastoni da trail.

 

 

FIANCHETTI

I fianchetti sono dotati di tasche porta oggetti fatte con tessuto mesh elastico e rifinite con un bordo di tessuto compressivo che migliora la tenuta delle tasche.

 

 

Possono contenere capi di abbigliamento come guanti e cappelli, anche gilet smanicati e giacche antivento di quelli ultra-light.

 

Feretra

Presente anche la Feretra porta bastoni, che si può spostare sulla destra o sulla sinistra dello zaino, seconda le proprie preferenze, in poche mosse, grazie agli attacchi con bottoncini a pressione e gancetti in ferro. E’ molto robusta, con la parete interna più strutturata, e dotata di stringa di compressione sulla parte esterna, per fermare meglio i bastoni all’interno ed evitare così fastidiosi sballottamenti.

 

 

Visita il sito AONIJIE per conoscere gli altri prodotti

 

 

Visualizzazioni: 468