Lo zaino idrico Salomon ADV Skin 5 (€120, perso 323gr) fa parte della linea “intermedia” di zaini prodotti da Salomon, ponendosi a metà strada – per quanto riguarda il prezzo – tra il Salomon Senso Pro 5 (€140, pero 227gr) ed il Salomon Active Skin 4 (€80, perso 270gr).

La differenza tra queste linee la fanno i tessuti di cui sono costituite ed alcuni accessori di cui sono dotati.

Il Salomon Adv Skin 5 è’ uno zaino evoluto, funzionale e capiente, capace di soddisfare le esigenze dei trail runner esperti anche per affrontare ultra trail, se in condizioni meteo stabili e con basi vita dove rifornirsi. Se poi ci si accoppia l’uso di una cintura tipo la Salomon Sense Pro, si è pronti a tutto!

E’ disponibile anche la versione da 12L ed una versione da 15litri, lo zaino ADV SKIN CROSS SEASON 15, che oltre per la maggior capienza, si differenzia anche per i materiali di cui è composto, che permettono maggior protezione del contenuto in situazioni di pioggia.

Cartteristiche:

Altezza dello schienale 38 cm
Dimensioni 38cm altezza x 19cm larghezza x 1cm profondità
Volume 5 litri
Peso 249 g
Peso compresi gli accessori 323 grammi
Soluzione per l’idratazione inclusa 2 Flask morbide , scomparto nella sacca compatibile con serbatoio idrica da 1.5L munito di pannello termico
Disponibile in 5 taglie, dalla XS alla XL (da 81cm a 115cm di diametro del torace)

Struttura

La struttura a gilet dello zaino Salomon Adv Skin 5 è concepita sulla base della tecnologia Sensifit, per fornire stabilità e libertà di movimento

La struttura è realizzata in tessuti stretch traspiranti che seguono le forme del corpo, con sistemi di regolazione leggeri per offrire fit e stabilità. In questo modo lo zaino non sobbalza, garantendo al contempo traspirabilità e comfort.

La struttura dello schienale e degli spallacci è composta da un tessuto mesh 3D morbido e leggermente elastico, mentre sui fianchetti è presente un tessuto mesh molto fine, meno traforato e meno elastico.

Lo zaino veste alto sulla schiena, senza andare a coprire la zona lombare, e la sacca è posteriore è posta più in alto rispetto alla fascia posteriore, il carico pesa solo sulla parte alta, e non infastidisce i movimenti anche quando è ben riempito.

Un po di pressione si può sentire se si usa un serbatio idrico posteriore e si carica anche una giacca antipioggia di quelle più protettivem che lo scienale perde un poò di aderenza

Sacca

La sacca posteriore dello zaino Salomon Adv Skin 5 è fatta con una fodera in poliammide (tessuto più robusto e resistente all’usura del poliestere) ed è divisa in due compartimenti.

Il compartimento interno che ha come parete lo schienale è quello dedicato al serbatoio idrico, e vi è stipato una sacca in materiale isolante che protegge i liquidi dal calore ambientale e corporeo, evitando che il contenuto si riscaldi diventando meno piacevole da sorseggiare.

Il compartimento esterno è ampio il giusto per portare una giacca antipioggia a 3 layer, o una maglia termica aggiuntiva.

Sulla parte superiore del rivestimento della sacca è presente una tasca marsupio in cui può essere messa una giacca antivento ultraleggera oppure il comparto batterie di certe headlamp che lo hanno diviso dal corpo luce posto sulla fascia.

Sulla superficie esterna della sacca sono presenti diversi passanti per poter aggiungere una stringa di compressione esterna “porta-oggetti” , che potrebbe servire se si vuole lasciare all’esteno una giacca antipioggia bagnata o antivento sudata ad asciugare un po.

Spallacci

Gli spallacci dello zaino Salomon Adv Skin 5 sono dotati di tasche porta softlask da 500ml, con bordo elastico dotato di stringa di sicurezza.

Sono grandi il giusto per ospitare le soft flask con diametro più stretto, le Salomon o le Hydraflask, ma non tanto bene le Camelbak, che hanno una forma ovale, sono più larghe, si infilano molto molto difficilmente.

Sotto ci sono le tashe portaoggetti, molto ampie, che vanno a finire lungo i fianchetti

Sullo spalaccio sinistro è presente una tasca zippata, dove infilare uno smartphone – magari messo con una cuscodia wateproof – che va a posizionarsi laterlamente al softflask, non creando alcuna zona di sovrapposizione tra gli scompartimenti.

Sulla parte altra degli spallacci, zona clavicole, sono presenti due scompartimenti creati aggiungendo uno strato di tessuto mesh espandibile, che hanno il bordo interno elastico e rinforzato, nel quale si possono mettere piccolo oggetti, e assicurarli con la stringa compressiva che è posta all’interno.

Sugli spallacci sono presenti anche le stringhe porta bastoni

Fianchetti

Le tasche sui fianchetti dello zaino Salomon Adv Skin 5 sono in tessuto mesh elastico e sono molto lunghe, andando a coprire tutta la fascia laterale che finisce sotto la sacca.

Il bordo superiore che presenta una cucitura tra fianchetto e tasca, a metà del perimetro, per assicurare che il contenuto non esca fuori durante il movimento, lasciando comunque un apertura d’accesso ampia quanto una mano.
Volendo ci si può mettere una giacca

About the Author: GIANLUCA GAGGIOLI

Free Trailer – tester materiali tecnici per il trailrunning