Non avevo provato la Puma Velocity Nitro nella sua prima versione, ma questa seconda versione mi interessava parecchio, anche per colmare un vuoto di conoscenza, avendo provato le altre versioni della famiglia Nitro, tutte molto interessanti e molto diversa tra loro, come anche questa Puma Velocity Nitro 2.

Grave mancanza, la mia!

La nostra attenzione di spettatori viene sempre indirizzata maggiormente sulla scarpe più ricche di contenuti tecnologici, che adesso sono i modelli con le piastre in carbonio, lasciando un po’ in disparte i modelli senza.

Modelli che poi son quelli per tutti, più accessibili, che appartgono a quella categoria delle scarpe da running “daily trainer”, scarpe che si possono usare tutti i giorni, per fare pochi km con calma o scioltezza, o spingere in allenamenti specifici di velocità, o magari puntare al proprio PB sui 10 e 20k. Pro o amatori che si sia.

La Puma Velocity Nitro 2 incarna pienamente questo spirito, è stata una vera sorpresa conoscerla, un grande piacere correrci!

Carattersitiche:

Peso: 250gr uomo /205gr donna
Drop: 10mm – 33.5mm al tallone e 23.5mm all’avampiede
Intersuola: a doppia densità, con strato in EVA e strato in NITRO Foam
Suola: in gomma PUMAGRIP

Tomaia

La tomaia della Puma Velocity Nitro 2 è fatta con un tessuto molto morbido, ben strutturato, e con rivestimenti interni che la rendono molto piacevole da indossare anche senza calze.

La linguetta è imbottita con un materiale compatto, fissata alla tomaia con soffietti laterali in tessuto mesh, ed il taglio della parte superiore è ben sagomato per conformarsi ai movimenti del piede durante la corsa, per evitare qualsiasi disturbo di contatto.

La zona dell’avampiede ha una forma appuntita che non toglie spazio alle dita, essendo un po’ più lunga del solito, nella mia solita taglia, da far avanzare un po’ di spazio sull’alluce.

Forse questo dipende dalla corrispondenza delle taglie: taglia 44 è una 28.5cm

Il tessuto nella zona dell’avampiede risulta anche abbondante, veste contenendo ma senza fasciare in maniera costrinta il piede.

Il contrafforte tallonare è ben strutturato, ed è ottimamente imbottito, senza eccessi, ma in maniera da fasciare molto bene la caviglia, con un contatto presente ma non disturbante, anzi piacevole.

La linguetta posteriore è morbida e non crea problemi di sfregamento.

La Puma Velocity Nitro è una scarpa morbida sul piede, che ti invoglia a calzarla tutto il giorno, quanto è comoda.

Intersuola

L’intersuola della Puma Velocity 2 è costruita in due strati di gomma diversi: EVA per lo strato inferiore a contatto col fondo, e NITRO Foam per lo strato superiore, sotto al piede.

Due gomme molto diverse tra di loro che sono state ottimamente miscelate – anche tenendo conto dello spessore dell’uno e dell’altro nelle diverse zone della scarpa sottoposte a diverso carico di lavoro.

Suola

La suola della Puma Velocity 2 è fatta con mescola Puma Grip e copre gran parte della superficie a contatto a terra, garantendo ottima tenuta anche sullo sterrato.

Nonostante l’ampio cuscinetto della parte anteriore sia un pezzo unico di gomma, questo non impedisce la flessibilità dell’intersuola

Comportamento

Appena calzata la Puma Velocity Nitro 2 mi ha ricordato la Saucony Ride 14, con qualche mm di più di spazio in punta, e con un tessuto che veste in maniera più morbida. Molto comoda veramente, da portare al piede tutto il giorno.

Anche perché è molto comoda la scarpa sotto il piede, con la gomma Nitro che sostiene in maniera piacevole il piede, offrendo un ottima ammortizzazione al tallone ed una flessibilità che riesce ad assecondare il movimento del piede.

Agilità che fa lavorare il piede quando si vuole correre in maniera impegnata. Si sente bene il piede lavorare, spingere.

E si sente la scarpa aiutare nella spinta, al punto da rendere piacevole la corsa in velocità.

La scarpa sale molto bene, non pesa sul piede, tocca a terra e poi volta in maniera sciolta.

Quando poi si vuole andare al massimo, non si percepisce nemmeno più al piede, non si percepisce il piede, si vive la corsa, ad ogni spinta, ad ogni battito, ad ogni respiro. E’ esaltante.

Poi, dopo aver tirato, si tira il freno, si può procedere a corsetta lenta con falcata breve, con molta facilità e piacere.

La Puma Velocity Nitro 2 passa con disinvoltura dall’accompagnare una corsa veloce a 3’/km ad una corsa lenta a 5’30”.

Ti svegli al mattino presto e non sai cosa vai e puoi a fare?

Metti ai piedi la Puma Velocity Nitro 2 e fai un riscaldamento a passo calmo, poi senti come stanno le gambe e vedi di provare scatti sui 200 o 400mt e allora se le gambe girano tirare delle belle ripetute. Oppure procedere con piacere a 4e40 senza tanti pensieri giusto per far girare le gambe e partire col piede giusto per il resto della giornata.

Conclusione

La Puma Velocity Nitro 2 è una gran bella scarpa, da tenere ai piedi tutto il giorno e correrci come viene. Per corridori evoluti con passo neutro per affrontare la corsa a varie velocità su brevi e medie distanze. Per divertirsi.

About the Author: GIANLUCA GAGGIOLI

Free Trailer – tester materiali tecnici per il trailrunning